alefanti

parole allo specchio

Corporale

Leave a comment

Toccandolo lo troverai freddo

Mi pare di un’altra

familiare come quello di un amante

e accarezzarlo mi emoziona

sentirne la consistenza al tatto

come si appoggia volentieri alla carezza

Qualcuno lo vestirà

– bisogna che scriva come –

e con fatica lo infilerà nel legno

– il più povero, per favore –

non sarò lì a guardare

– difficile convincersene –

Mi abbraccio come posso

mi bacio con il cibo

lui corrisponde, benevolo

non mi ha mai deluso

tutta una vita insieme

Diranno di me frasi maldestre

L’amica amata proverà a smentirli

Come le chiesi di fare, anni prima

Lei, fedele ai nomi delle cose

piangerà di frustrazione

Non ho bisogno di altri

Penso io ad amarlo

Lo tratto con rudezza

Ma è questa la forma che conosco

Che ho imparato, con fatica

La bilancia continuerà a pendere

Dalla mia parte, è questo il mistero

Che non si dica che l’ho tenuto segreto

il gioco astuto della felicità

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s