alefanti

parole allo specchio

DRAGHI

Leave a comment

Denti aguzzi in fauci spalancate
e dal profondo della gola
fiamme in attesa d’aria
per farsi più feroci nel bruciare
Artigli atti a ghermire
a strappare brani di carne
a lasciare al minimo sfiorare
segni perenni di nuova distruzione
Sguardo cieco di violenza armato
di volontà d’uccidere allagato
e voce che seduce per tradire
con inganni crudeli da morirne

Questo immagino abbia visto in me
perché altrimenti eviteresti con cura
l’incrocio degli occhi per più d’un istante
e breve e raro e inaccessibile a cercarlo?

Dentro la grotta della gola
non fiamme ma carezze troveresti
e cura e tenerezza e compassione
per quella forza aspra e coraggiosa
che è in te a farti scudo di salvezza

In me un tempo corazza si faceva facilmente
per proteggere quel tanto sì gentile da toccare
da temerne il veleno all’abbandono
Così me la ricordo e la assomiglio alla tua
ma certo sbaglio per troppa generosità nei miei confronti
perché l’avere imparato a perdonarmi
mi fa sorella agli altrui dolori
e mi illudo di comprenderne i sentieri

Tutto è probabilmente più banale:
altre cose, più importanti, hai nei pensieri
che questa donna incerta che parla
e scrive e non lo sa che vivere
in un mondo tutto suo di sogni
non fa sbocciare fiori né maturare il grano
neppure può far battere più lesto il tuo bel cuore

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s