alefanti

parole allo specchio

Lavori

Leave a comment

Tu mi dirai “sono forse questi
tempi in cui parlare di fioriture?
Non vedi quel che accade? Quanto male?
E quanti tradimenti?”
Amico mio, come io possa darti torto
davvero non so. E non lo faccio.
Ma qui, su questa riva
accanto a cui scorre
un rivolo d’acqua limpido quanto improbabile
minute zolle si scostano per fare posto al verde.
Non più di un filo per adesso
e non è chiaro se ce la potrà mai fare
a svolgere il lavoro che gli tocca.
Quindi lo vedi che il mio è di restare
di stargli accanto, lo devo incoraggiare
a tenere dritta la testa, a fare il suo daffare.
E poi tengo il posto per l’ape che verrà
per la sua minuscola fame, per l’oro da produrre.
Il pane su cui spalmarlo è in altre mani.
Capaci di impastare. E nel lievito
– non gli puoi metter fretta – lo sai.
Io resto qui. Attendo giorni buoni.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s