alefanti

parole allo specchio

STORIE ESEMPLARI – 23 –

Leave a comment

Questa volta l’avrebbe tenuta dentro una scatola non troppo grande

così che non potesse crescere e diventare una bestia pericolosa

ma restasse un’attesa da compagnia, tiepida e tenera

una di quelle che aggiungono luce alle giornate senza invaderle.

Sì, questa volta ce l’avrebbe fatta.

Se lui poi non si fosse fatto più sentire

la piccola attesa, prima di morire

avrebbe partorito una piccola delusione

sgradevole, certo, ma capace di poco danno.

Ragionevole. Sì, sarebbe stata ragionevole.

Rinunciare ad assaporare le sue parole garbate

le sembrava una scelta stupida

avevano un gusto così gradevole al palato!

Qualche graffio all’amor proprio era un rischio accettabile

in cambio del sorriso che le spuntava in volto

ogni volta che ne ricordava il viso o la consistenza dell’abbraccio.

Avrebbe tenuto con sé l’attesa giusto per qualche settimana.

Poi l’avrebbe liberata prima che invecchiasse.

Era un ottimo piano, il suo.

Chissà perché non ci aveva pensato prima.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s