alefanti

parole allo specchio

A FILO D’ACQUA

Leave a comment

 

C’è un capo libero – all’inizio –
sempre, all’inizio, un capo libero
che lo si chiami tempo o direzione.
Poi un piccolo groviglio, non stretto
perché nessuno ha tirato forte abbastanza
all’inizio, così da stringerlo, irreparabilmente
figlio di rabbie immotivate.
E ancora, a seguire, due o tre nodi
di quelli semplici che a volerli sciogliere
non sarebbe un lavoro difficile.
Quindi scorre la linea a filo d’acqua
di un lungo tratto – intatto –
che neppure sa che molto altro potrebbe al posto suo.
Infine – inattesa – la matassa tradita
violenza di curve inaccessibili agli occhi
disperazione anticipata di qualsiasi tentativo.
E a chi teneva il fiato in attesa di risposta
è mostrato l’ultimo capo con le spalle voltate.
La ricerca finisce con un gatto acciambellato
indifferente, innocente, sul cuscino più bello
le unghie stanche, il respiro quieto.
La metafora dorme. La vita finisce.

 

Immagine

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s