alefanti

parole allo specchio

AD UN UOMO

Leave a comment

 

È il talento del principiante

la tua grazia nel chiedere

o un dono da sempre celato?

Mai l’avresti saputo

senza questa debolezza

che condanni e odi.

L’armatura del guerriero

si è fatta peso e non potenza.

Non vedi quanto più libero

è il passo del saltimbanco?

La paga del soldato è dolore e sangue

il salario dell’artista di strada

confonde il pane e i sorrisi.

Mi piace come ti togli dal mio sguardo

eppure sei lì, intero d’uomo che grida amore.

Brilla la tua assenza un fiato noncurante

come se ti facessi ruota di pavone al buio

mentre batte il cuore la funzione del silenzio.

Sta lì la bellezza del tuo amore dono.

Perché tutto si mischia

e mi ama di gioia il tuo amore.

Pure se non lo accolgo nella carne

colora quell’aldilà di possibili ricompense

dove ci saremmo incontrati se.

 

Image

 

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s